fbpx
Travel Simple: perché il viaggio deve essere una “cosa semplice”

Esperienze accessibili, in inglese Travel Simple, esprime fin da subito il suo intento.

La priorità della sua fondatrice Michela è quella di condividere esperienze di viaggio accessibili si, per persone con disabilità ma non solo: i suoi consigli sono anche per famiglie con bambini, persone anziane, persone con intolleranze alimentari e naturalmente strutture ricettive.

Il blog non solo propone esperienze e mete accessibili ma fa anche da collante tra tour operator e le persone che vogliono vivere un’esperienza accessibile a 360 gradi.

All’interno del sito è possibile scegliere delle destinazioni in cui è possibile fare dei tour, prenotare dei servizi, leggere le recensioni di spiagge e luoghi fatte dal team; il tutto mostrando quelle che sono le caratteristiche di accessibilità delle mete selezionate.

Abbiamo voluto fare quattro chiacchiere con Michela per capire meglio il suo servizio.

 

1. Sul sito https://travelsimple.org/ leggiamo che l’idea di creare Travel Simple ti è venuta quando vivevi in Spagna. Vuoi raccontarci meglio qual è stata la scintilla che ha fatto accendere questa idea?

L’idea iniziale di Travel Simple è nata ormai un paio di anni fa, anche se si è concretizzata in questo ultimo anno.

Fin dalle superiori, per poi proseguire all’università, la mia formazione è sempre stata incentrata sul turismo, così come anche tutte le mie esperienze lavorative. Sono riuscita quindi a crearmi una visione d’insieme del settore abbastanza ampia, fino ad “atterrare” nel settore aeroportuale e aeronautico, dove ho iniziato a rendermi davvero conto delle difficoltà che una persona con disabilità deve affrontare nel momento in cui decide di voler intraprendere un viaggio.

Mi sono documentata, ho studiato (e sto studiando), ed ho deciso, in piena pandemia, di iniziare questa nuova meravigliosa avventura!

2.Quanto siamo accessibili in Italia?

Dipende moltissimo dalla regione, purtroppo. Per farti un esempio, il Trentino Alto Adige è una delle regioni in cui il turismo accessibile viene davvero valorizzato e, soprattutto, pubblicizzato.

In questo anno però ho conosciuto moltissime guide turistiche, proprietari di strutture ricettive, ristoratori in giro per l’Italia, davvero interessati al tema e che si stanno impegnando moltissimo per far sì che chiunque possa avere la possibilità di trascorrere una vacanza in totale serenità.

 3. E all’estero com’è la situazione?

Anche qui non possiamo generalizzare. Ho trovato però grandissima apertura mentale e preparazione non solo in Europa, ma ad esempio in Centro America ed in Asia. Ho la fortuna di avere creato dei rapporti di collaborazione con organizzazioni nel mondo che organizzano itinerari o escursioni fantastiche, come ad esempio il surf adattato in Costa Rica o dei percorsi di degustazione sensoriali a Madeira.

 4. Saranno diverse le persone e le storie che con il tuo lavoro hai contribuito a creare; saranno storie di viaggi e di accessibilità: ce n’è una in particolare che ti ha colpita?

Una in particolare non saprei, ma una parola, un desiderio che accomuna sempre le persone che si rivolgono a me mi colpisce e mi emoziona sempre. Le persone desiderano “respirare”, staccare un po’ dalla monotonia quotidiana, sentirsi liberi, respirare, appunto, aria nuova. Credo sia un desiderio meraviglioso e  totalmente condivisibile.

 5. Se dovessi avere la sfera di cristallo e vederti da qui a 10 anni, come ti vedi?

Mi vedo felice. Sembra scontato a volte ma, se mi fermo a pensare alla me futura, vedo una Michela serena e soddisfatta di ciò che fa quotidianamente. Al momento Travel Simple non è la mia occupazione principale, ed il mio obiettivo è proprio quello di far sì che questo sogno diventi realtà e diventi la realtà anche di altre persone. Al momento oltre a tutto il resto sto seguendo un master universitario che mi abiliterà alla professione di Disability and Diversity Management, una figura professionale quasi inesistente qui in Italia. Spero che tutte queste incredibili esperienze mi daranno la possibilità di trasformare questa mia passione nel mio unico e amato  lavoro.

 6. Quanto è importante la tua sensibilità nel lavoro che fai?

Credo sia fondamentale. Per molti anni ho considerato questa mia elevata sensibilità come un ostacolo, come qualcosa da reprimere e cercare di eliminare. Solamente negli ultimi due anni sono riuscita a vedere quanto questa caratteristica della mia personalità sia utile, indispensabile e mi abbia fatto diventare la persona che sono oggi.

 7. Prima di lasciarci, quale consiglio daresti ai viaggiatori che vogliono esperienze accessibili?

Darei un unico grande consiglio, magari anche scontato per chi è abituato a viaggiare.
Non fidatevi dei filtri di accessibilità che alcuni grandi portali mettono a disposizione, controllate sempre anche con la struttura le caratteristiche specifiche in base alle vostre necessità!
Abbiamo fatto una ricerca per capire quanto fossero affidabili e, in molti casi (non tutti per fortuna), la realtà non poteva essere più diversa di quanto descritto online.

Non vi resta allora che regalarvi un’esperienza di viaggio che sia libero e all’insegna della semplicità con Michela.

HOME

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai informazioni e le ultime novità sui prodotti Thermomat

*obbligatorio
*obbligatorio
 
*obbligatorio
*obbligatorio
 
Privacy Policy

Dopo l’invio dei dati controlla la mail che hai ricevuto per confermare l’iscrizione

leggi anche

Sanitari acciaio inox indispensabili nei luoghi pubblici

Sanitari acciaio inox: 5 vantaggi per chi progetta i bagni per luoghi pubblici. Vi sarà capitato di progettare spazi e bagni per luoghi pubblici come scuole, bar, stazioni ferroviarie o altro e vi sarete sicuramente chiesti “quale tipo di sanitari bagno posso...

Anche Thermomat diventa Social

Anche Thermomat diventa Social Un traguardo importante per la nostra azienda: anche Thermomat e Thermomat Saniline arrivano sui social attraverso la nuova pagina Facebook, la pagina Aziendale di LinkedIn ed il consueto canale YouTube.“Siamo diventati Social a 52 anni...

Come progettare un bagno per disabili secondo la normativa?

In questo articolo andremo a rispondere alle domande e ai dubbi più frequenti sui bagni per disabili. Cosa dice la normativa sui bagni per disabili? Come progettare un bagno per disabili? Quali sono le dimensioni dei bagni per disabili? Continua a leggere per sapere...

Vasche per anziani: una piccola guida ai contributi

Dal 1989 al 2016, grazie al decreto del Ministero dei Lavori Pubblici n.236, anche i privati potevano richiedere dei contributi per la ristrutturazione del bagno compresa anche l’installazione delle vasche per anziani.Il decreto, infatti, all’articolo 1 chiarisce...

Il corrimano bagno? 3 modelli sicuri e a norma di legge per i bagni di persone disabili.

Il corrimano bagno, che in gergo viene chiamato anche maniglione, è fondamentale all’interno del bagno ma non solo per persone disabili. Il corrimano bagno può altresì essere un valido aiuto per persone anziane e per tutti coloro che hanno bisogno di un appiglio...

Rubinetti elettronici: sostenibilità e protezione covid

Rubinetti elettronici, l'importanza di evitare il contatto con le superfici La sicurezza in bagno è un elemento fondamentale, soprattutto quando si parla di doccia e di spazi destinati all’uso quotidiano di questi ambienti alle persone disabili. Grazie ai sedili...

Perché scegliere i sanitari alti per anziani?

Thermomat ha progettato e creato diverse linee di sanitari alti per anziani che, anche se più alti dei sanitari tradizionali, non rinunciano all’estetica e propongono linee eleganti adatte ad ogni ambiente anche quello di casa. Garantire l’autonomia a tutte le età e...

Seggiolino doccia: come creare un bagno adatto a tutti.

Può il seggiolino doccia contribuire a rendere accessibili ed inclusivo il bagno? La risposta è si, ed ora vi spieghiamo perché. L’accessibilità all’interno del bagno è ancora un tema molto delicato che richiede i giusti strumenti e accessori come, per esempio, il...

Barra ribaltabile disabili: guida alla scelta ideale

Barra, barra ribaltabile disabili, maniglione ribaltabile disabili, barra di sicurezza, barra di sostegno…Questi sono solo alcuni dei nomi che vanno a specificare un particolare ausilio legato al mondo della disabilità che ha la funzione principale di aiutare ed...

L’ospitalità 2.0: quando ospitare vuol dire rendere accessibile.

Quante volte avete sentito lo slogan “In vacanza come a casa?” Probabilmente molte e molte volte e in tutte queste la realtà (oltre lo slogan) non era poi così casa. C’è invece chi, oltre alle parole ama i fatti e li rende reali: così Massimo e Piera, i proprietari...
Chatta con Thermomat
Invia