fbpx

Il loro è un progetto come dovrebbero essercene tanti in Italia e nel mondo: Tu vai che puoi (già il nome è davvero suggestivo), da cui nasce l’acronimo T.V.C.P si propone come un’equipe multidisciplinare che affronta il tema dell’inclusività e della valorizzazione del potenziale e della cura personale. 

Artefici ne sono Deborah e Matteo che insieme hanno fondato Tu vai che puoi proponendo una serie di percorsi che vanno dal Turismo inclusivo dove si occupano di segnalare le strutture inclusive al progetto Clinico in cui lavora un’equipe di 7 professionisti.  Abbiamo deciso di raccontare la loro storia, perché crediamo che i differenti punti di vista e i diversi approcci servano ad ampliare il nostro sguardo sul mondo. 

Cominciamo da questo nuovo sguardo nel mondo: qual è stata l’intuizione che vi ha permesso di mettere in piedi il progetto?

Sono più di 10 anni che lavoriamo con la disabilità in ospedale e non e la cosa che più abbiamo sentito nella nostra esperienza era la mancanza di accessibilità e di inclusione nelle strutture ricettive e quindi spesso ci siamo trovati utenti spiazzati dal famoso effetto sorpresa negativo che faceva passare la voglia agli utenti di vivere un’esperienza. Allo stesso tempo è emersa la voglia e la necessità di collaborare con i tecnici del mestiere (architetti, geometri, ingegneri) per creare negli spazi domestici la vera inclusione e accessibilità secondo le diverse disabilità. Crediamo fortemente che il lavoro del clinico supportato da tecnici possa davvero fare la differenza. 

Grazie a “Tu vai che puoi” com’è cambiato il vostro approccio al mondo? E quello delle persone che si affidano a TVCP? 

Grazie alla nostra scala di valutazione “ALL INCLUSION SCALE 1.0” abbiamo uno strumento versatile che può essere utilizzato ovunque e che ci permette di andare oltre i parametri di legge per creare bellezza, funzionalità, adattabilità ed inclusione. Siamo clinici, quindi scienziati e noi ci affidiamo alla scienza per muoverci quindi il nostro approccio autentico e di valore ha creato una grande fiducia nelle persone che si affidano a noi.  

Basta pensare al fatto che noi conosciamo molto bene le diverse esigenze di chi, ad esempio, si muove in carrozzina manuale o elettronica e conosciamo le diverse progressioni della patologia quindi il nostro lavoro pensiamo sia davvero di grande supporto. 

Parlando di strutture e di turismo quali sono i problemi che spesso riscontrate? 

Spesso le barriere sociali legate alla comunicazione e all’approccio non verbale sono il grande ostacolo, successivamente ci sono le barriere architettoniche. 

Per le prime crediamo fortemente nella formazione per la seconda abbattiamo tutte quelle convinzioni dove ci vogliono grandi opere edilizie per rendersi accessibili.  

Riscontriamo spesso inoltre poca attenzione ai servizi comuni (piscina, spiaggia, spa), ricordiamoci che una persona va in vacanza non solo per chiudersi in una stanza ma per poter fare anche lui stesso esperienze. 

Quali sono secondo voi gli accorgimenti che una buona progettazione deve valutare nel momento in cui vuole essere inclusiva? 

Gli spazi di manovra e le pendenze pensiamo che siano il fulcro di tutto! 

 Quale è il vostro sogno più grande? 

Che il nostro servizio possa essere conosciuto il più possibile per aiutare più persone possibili ed iniziare a far capire ai tecnici che la nostra collaborazione fa davvero la differenza. 

Parliamo di bagni. Cosa fa la differenza nel momento in cui si vuole essere accessibili? 

Gli spazi di manovra, la posizione e il tipo di sanitari sono importanti per rendersi accessibili, per rendersi inclusivi invece la bellezza funzionale è il fulcro quindi l’universal design per noi è d’obbligo. Basta ospedalizzare i bagni i giusti accessori nel posto giusto con magari un tocco di classe J 

Quali sono i vostri progetti per il futuro? 

Creare una rete solida di collaboratori che abbiamo la nostra stessa mission e vision e proporre a tutte le grandi catene il nostro servizio, perché nel 2021 il nostro bellissimo paese è giunto il momento di farlo conoscere a tutti, tutti davvero! 

HOME

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai informazioni e le ultime novità sui prodotti Thermomat

*obbligatorio

*obbligatorio

*obbligatorio

*obbligatorio

Privacy Policy

Dopo l’invio dei dati controlla la mail che hai ricevuto per confermare l’iscrizione

leggi anche

Sedili doccia disabili: la guida per la scelta

La sicurezza in bagno è un elemento fondamentale La sicurezza in bagno è un elemento fondamentale, soprattutto quando si parla di doccia e di spazi destinati all’uso quotidiano di questi ambienti alle persone disabili. Grazie ai sedili doccia disabili quest'obbiettivo...

Vasche per anziani: una piccola guida ai contributi

Dal 1989 al 2016, grazie al decreto del Ministero dei Lavori Pubblici n.236, anche i privati potevano richiedere dei contributi per la ristrutturazione del bagno compresa anche l’installazione delle vasche per anziani.Il decreto, infatti, all’articolo 1 chiarisce...

Fermiamo il virus insieme

Fermare il virus si può: con i prodotti Thermomat sicurezza ed igiene per tutti.

Un sedile doccia ribaltabile regala accessibilità: Elegance

Con Thermomat possiamo finalmente parlare di accessibilità grazie all’installazione di ausili appropriati come il sedile doccia ribaltabile.Parlare di accessibilità, ossia della possibilità di costruire spazi e tecnologie accessibili a tutte le persone, significa fare...

Barra ribaltabile disabili: guida alla scelta ideale

Barra, barra ribaltabile disabili, maniglione ribaltabile disabili, barra di sicurezza, barra di sostegno…Questi sono solo alcuni dei nomi che vanno a specificare un particolare ausilio legato al mondo della disabilità che ha la funzione principale di aiutare ed...

Chiusura estiva

Avvisiamo la gentile clientela che Thermomat sarà chiusa per le consuete ferie estive dal giorno 10 al giorno 21 agosto. Per ordini ed informazioni scrivete a info@thermomat.com

Specchi bagno disabili: cosa dice la normativa?

Eliminare le barriere architettoniche mediante una progettazione attenta di ogni singolo elemento del bagno è fondamentale se si vuole organizzare uno spazio adatto a tutte le persone: partiamo dagli specchi nel bagno disabili. Spesso, infatti, ci si trova nella...

Vasche per disabili: caratteristiche e come usarle

Vasche per disabili: caratteristiche che le rendono perfette e a prova di sicurezza Immaginate di volervi fare il bagno e di vedere tutelata la vostra privacy ed autonomia. Coniugare queste due esigenze a quella della sicurezza in bagno è un diritto importante tanto...

Rubinetto termostatico: che cos’è e come funziona

Il rubinetto termostatico per la doccia: utilità e design made in Italy Parlare di rubinetti per il bagno vuol dire parlare di materiali e tecnologie molto diverse tra loro;tra le tecnologie presenti sul mercato spicca quella riferita al rubinetto termostatico per la...

Perché scegliere i sanitari alti per anziani?

Thermomat ha progettato e creato diverse linee di sanitari alti per anziani che, anche se più alti dei sanitari tradizionali, non rinunciano all’estetica e propongono linee eleganti adatte ad ogni ambiente anche quello di casa. Garantire l’autonomia a tutte le età e...
Chatta con Thermomat
Invia