Wc per persone disabili: è meglio con o senza apertura frontale?

La normativa nazionale di riferimento in ambito di progettazione di bagni per persone disabili è il Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici n. 236/89. Questo decreto, relativamente alle caratteristiche dei sanitari per persone disabili da installare all’interno dei bagni dispone che:

  1. i WC e i bidet preferibilmente sono di tipo sospeso
  2. l’asse della tazza WC o del bidet deve essere posto ad una distanza minima di 40 cm dalla parete laterale, il bordo anteriore a 75-80 cm dalla parete posteriore e il piano superiore a 45-50 cm dal calpestio.
  3. Qualora l’asse della tazza WC o bidet sia distante più di 40 cm. dalla parete, si deve prevedere a 40 cm dall’asse del sanitario e del bidet un maniglione o corrimano per consentire il trasferimento;

Queste sono le direttive nazionali italiane.

Naturalmente chi progetta il bagno dovrà verificare la presenza di eventuali decreti regionali o regolamenti comunali più specifici, più restrittivi, in quanto il decreto nazionale, dovendo coprire il più ampio spettro di necessità, fornisce indicazioni piuttosto generiche che possono essere integrate localmente per meglio far fronte alle diverse necessità.

 L’utilizzo del vaso con apertura frontale risulta è più che altro un uso comune in assenza di specifiche indicazioni legislative, ma nella maggior parte dei casi viene comunque utilizzato in quanto offre numerosi vantaggi.

Vediamoli insieme:

– La presenza dell’apertura frontale associata alla presenza di un miscelatore con doccetta (o della funzione bidet integrata nel sanitario) può sostituire l’utilizzo del bidet e questo comporta un notevole risparmio di spazio e un risparmio di fatica per la persona.

Inoltre, l’apertura frontale del sanitario permette di rendere confortevole ed efficiente una fondamentale operazione della vita quotidiana di ogni persona che in un unico sanitario può svolgere due funzioni.

 – L’adozione quindi di un wc con o senza apertura frontale per persone disabili dipende sia dalle necessità funzionali che si vogliono esaudire sia dallo spazio presente in bagno.

Infatti, la possibilità di avere in un unico sanitario due funzioni distinte permette di evitare di installare il bidet dando così maggiore spazio alle eventuali manovre che si possono compiere per le persone che si spostano con la carrozzina.

E qui poniamo l’accento su un fattore cruciale: la scelta del sanitario così come di altre parti che vanno a comporre il bagno deve andare nella direzione di rendere maggiormente accessibile lo spazio per tutte le persone.

HOME

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai informazioni e le ultime novità sui prodotti Thermomat

*obbligatorio

*obbligatorio

*obbligatorio

*obbligatorio

Privacy Policy

Dopo l’invio dei dati controlla la mail che hai ricevuto per confermare l’iscrizione

leggi anche

Docce per anziani e disabili: caratteristiche

Quando si hanno problemi permanenti di deambulazione, prendersi cura della propria igiene personale potrebbe essere molto difficoltoso. Non parliamo solo di problemi di movimento, bensì potrebbero esserci rischi più gravi, legati alle cadute. In questo articolo ti...

Specchi bagno disabili: cosa dice la normativa?

Eliminare le barriere architettoniche mediante una progettazione attenta di ogni singolo elemento del bagno è fondamentale se si vuole organizzare uno spazio adatto a tutte le persone: partiamo dagli specchi nel bagno disabili. Spesso, infatti, ci si trova nella...

Accessori bagno disabili: tre kit per un bagno a norma di legge

Realizzare un progetto riferito ai bagni per persone disabili significa spesso fare i conti con quali accessori bagno disabili è meglio inserire al suo interno. La sicurezza in bagno è un elemento fondamentale, soprattutto quando si parla di doccia e di spazi...

Perché scegliere i sanitari alti per anziani?

Thermomat ha progettato e creato diverse linee di sanitari alti per anziani che, anche se più alti dei sanitari tradizionali, non rinunciano all’estetica e propongono linee eleganti adatte ad ogni ambiente anche quello di casa. Garantire l’autonomia a tutte le età e...

L’ospitalità 2.0: quando ospitare vuol dire rendere accessibile.

Quante volte avete sentito lo slogan “In vacanza come a casa?” Probabilmente molte e molte volte e in tutte queste la realtà (oltre lo slogan) non era poi così casa. C’è invece chi, oltre alle parole ama i fatti e li rende reali: così Massimo e Piera, i proprietari...

Vasche per disabili ed anziani: caratteristiche e come usarle

Vasche per disabili ed anziani: caratteristiche che le rendono perfette e a prova di sicurezza per una vasca per disabili perfetta! Immaginate di volervi fare il bagno e di vedere tutelata la vostra privacy ed autonomia. Coniugare queste due esigenze a quella della...

Fermiamo il virus insieme

Fermare il virus si può: con i prodotti Thermomat sicurezza ed igiene per tutti.

Ausili disabili: cosa sono e come richiederli.

Gli ausili disabili sono davvero un valido aiuto in casa ed in tutti i luoghi in cui c’è bisogno di trovare un sostegno concreto alla propria autonomia e alla propria sicurezza. Non tutti forse sanno che cosa sono gli ausili disabili. Sono considerati tali tutti gli...

Travel Simple: perché il viaggio deve essere una “cosa semplice”

Esperienze accessibili, in inglese Travel Simple, esprime fin da subito il suo intento. La priorità della sua fondatrice Michela è quella di condividere esperienze di viaggio accessibili si, per persone con disabilità ma non solo: i suoi consigli sono anche per...

Seggiolino doccia: come creare un bagno adatto a tutti.

Può il seggiolino doccia contribuire a rendere accessibili ed inclusivo il bagno? La risposta è si, ed ora vi spieghiamo perché. L’accessibilità all’interno del bagno è ancora un tema molto delicato che richiede i giusti strumenti e accessori come, per esempio, il...
Chatta con Thermomat
Invia